World Business Summit on Climate Change (24-26 maggio 2009): conclusioni de “The Copenhagen Call”

27 05 2009

 

Gli industriali sono pronti ad affrontare i cambiamenti necessari che il mondo del business dovrà subire per contenere il riscaldamento globale entro (massimo) i 2 gradi rispetto ai livelli pre-industriali.

E’ quanto emerge dal WBS conclusosi ieri a Copenhagen dopo 3 giorni di lavori che hanno visto gli executives delle maggiori imprese internazionali (non solo energetiche quindi) discutere il loro impegno per la lotta al Global Warming. Per la discussione del programma e delle aspettative pre-summit ecco il post dedicatovi.

Gli industriali non intendono giocare il ruolo dei conservatori in materia di Climate Change, non vi hanno alcun interesse: è questo ciò che l’ambizioso Call (in 6 punti e 4 pagine) intende dimostrare. In esso, si riconosce la validità dei risultati del Quarto Rapporto dell’IPCC (International Panel on Climate Change) e dei maggiori costi che deriverebbero dalla non-azione immediata rispetto all’intervento.

In particolare, in materia di opportunità di business e di nuovi posti di lavoro derivanti dalla lotta al Cambiamento Climatico, i businessmen appaiono ben più espliciti dei Ministri dell’Energia riuniti negli stessi giorni a Roma.

Essi riconoscono la centralità del loro ruolo per combattere il Cambiamento Climatico: “Businesses will be responsible for building much of the infrastructure needed to protect us from climate impacts“. Riaffermando come il mondo degli affari dia il suo meglio quando si tratta di innovare, chiedono un Trattato coraggioso capace di eliminare l’incertezza che finora ha circondato gli investimenti “in sostenibilità”.

Si ha in un certo senso l’impressione che siano ora i businessmen a voler mettere fretta ai politici internazionali: è infatti compito di questi ultimi implementare le opportune politiche al fine di ridurre il più possibile i costi a breve termine per le aziende. Sono questi costi infatti che, malgrado i probabilissimi benefici nel medio-lungo periodo, rischiano di mettere in crisi molte tra le imprese che si impegnassero nella Green Growth.

Standard e regolamentazioni, possibilmente armonizzati a livello internazionale, vengono indicati tra gli strumenti migliori per ridurre le emissioni, favorendo il ricorso a tecnologie più pulite ed efficienti.

Infine, gli industriali affrontano due temi per nulla trattati nel corso del meeting dei Ministri dell’Energia: la necessità di aiutare l’adattamento al Cambiamento Climatico delle popolazioni più esposte e la preservazione delle foreste per le loro capacità di assorbimento delle emissioni.

Il Call verrà presentato alla Conferenza delle Parti alla UNFCCC di Copenhagen in dicembre e gli industriali si sono impegnati a sostenerne e portarne avanti i 6 punti durante i sei mesi che ci separano dall’evento.


Azioni

Information

9 responses

27 05 2009
Ministri dell’Energia G8 e World Business Summit: analisi delle Parole Chiave e il ruolo dei Governi « Sostenibilità Energetica

[…] Rileggendo le Dichiarazioni finali di questi vertici (vedi i post precedenti sul G8 Energia e sul WBS), essi sono infatti i termini che vi ricorrono più […]

28 05 2009
World Business Summit on Climate Change (Copenhagen, 24-26 maggio 2009) « Sostenibilità Energetica

[…] [Questo post è la doverosa introduzione al Summit e alle aspettative che vi si nutrivano, se volete leggerne subito i risultati consultate quest'altro post.] […]

30 05 2009
La Sostenibilità come nuovo Paradigma dello Sviluppo Economico (Luigi Campello, Udine 30 maggio 2009) « Sostenibilità Energetica

[…] Sostenibile”. Un superamento che sembra ricalcare perfettamente quanto emerso dal World Business Summit on Climate Change e dall’Incontro dei Ministri dell’Energia del G8 dello scorso weekend: la Sustainable […]

2 06 2009
La Giornata Mondiale dell’Ambiente (5 giugno 2009): “Your planet needs you”. L’impegno del Messico. « Sostenibilità Energetica

[…] ai governi, riuniti in sede G8, o alle imprese internazionali, che si sono incontrate durante il World Business Summit on Climate Change, ma ai normali […]

8 06 2009
Alumni Day SID – Scienze Internazionali e Diplomatiche – Gorizia (6 giugno 2009): la Sostenibilità Ambientale e la Sicurezza Energetica in primo piano « Sostenibilità Energetica

[…] confronta in questi mesi. Basti ripercorrere quanto precedentemente rilevato in materia di G8, di World Business Summit on Climate Change e di Giornata Mondiale per l’Ambiente. Non a caso il Convegno si è aperto ricordando le […]

9 06 2009
Sostenibilità Energetica

[…] Post più letti Alumni Day SID – Scienze Internazionali e Diplomatiche – Gorizia (6 giugno 2009): la Sostenibilità Ambientale e la Sicurezza Energetica in primo pianoChi sono"…verso Copenhagen 2009" – Conferenza a Gorizia (post 1)Europe Ecologie: il successo insperato degli Ecologisti alle Elezioni Europee in FranciaSostenibilità Energetica si presenta"…verso Copenhagen 2009" – Conferenza a Gorizia (post 2)Incontro dei Ministri dell'Energia G8 (24-25 maggio 2009). Prime reazioni: Ministro russo Serghei ShmatkoWorld Business Summit on Climate Change (24-26 maggio 2009): conclusioni de "The Copenhagen Call" […]

9 06 2009
Local Government Climate Change Leadership Summit (2-4 giugno 2009): valorizzare quanto già è stato fatto contro il Cambiamento Climatico « Sostenibilità Energetica

[…] Questo è il messaggio, ancora una volta, di un ulteriore incontro al vertice tenutosi questo weekend a Copenhagen, in preparazione della Conferenza di dicembre. Dopo quello delle Imprese, il World Business Summit on Climate Change. […]

15 06 2009
L’Unione Europea a 6 mesi da Copenhagen: un nuovo Parlamento, una nuova Presidenza e una Leadership da mantenere. Post 2: le rinunce forzate della Presidenza Svedese « Sostenibilità Energetica

[…] come si premunisce di cominciare il suo discorso, facendo eco a quanto ripetuto in sede G8 e World Business Summit. E vi è da considerare l’importantissima avanzata dei Partiti Ecologisti alle elezioni per […]

21 06 2009
Il Programma Barroso 2009-2014: il concetto di Crescita Sostenibile va autonomizzandosi « Sostenibilità Energetica

[…] sancisce la credibilità assunta agli occhi dei dirigenti europei dal principio di Sostenibilità quale criterio di uno sviluppo economico e sociale più equilibrato, confutandone la precedente visione da masochistica e decadente denuncia morale da fine regno “capitalistico”; credibilità questa già affermata dalle maggiori Imprese internazionali; […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: